Per non dimenticare  
Ugo Forno
 

[ 27 aprile 1932 • 5 giugno 1944 ]  

 
Medaglia d'oro al merito civile  

 

Studente dodicenne morto per la libertà, ultimo martire della Resistenza romana  

"Al folle coraggio di questo ragazzino, alle raffiche ingenue del suo mitra contro i soldati nazisti,
alla sua morte guardiamo come all'esempio di chi non volle far finta di non vedere"
 

 


 
APPUNTAMENTI
 

Sabato 4 giugno 2016  

PASSEGGIATA MUSICALE DELLA MEMORIA
NEL RICORDO DI UGO FORNO
 
 

La storia di "Ughetto", ultimo caduto della Resistenza romana, attraverso i luoghi principali della sua breve vita, in un racconto itinerante accompagnato da memorie e interventi musicali.
Con Felice Cipriani, Lorenzo Grassi, Irene Ranaldi e Fabrizio Forno.  

Partenza alle 10 dalla Scuola Media Statale "Luigi Settembrini".
Ore 10.45 - Via Nemorense 15 Casa di Ughetto;
Ore 11.15 - Parco Nemorense - Stele dedicata a Ughetto;
Ore 11.50 - Giardino Ugo Forno in via Mascagni angolo via Mancinelli;
Ore 12.15 - Ponte ferroviario sulla Ciclabile da Prato della Signora.  

Interventi musicali di Traindeville, Alberto Marchetti, Her Pillow, Stefania Placidi e Susanna Ruffini.  

[ Qui potete scaricare e diffondere la locandina dell'iniziativa ]  

 


 

STORIA
Chi era e cosa ha fatto "Ughetto"
Il ponte ferroviario sull'Aniene
Inquadramento storico
Inquadramento territoriale  

ONORIFICENZA
Medaglia d'oro al merito civile  

RICORDI
Iniziative in memoria
Il Giardino "Ugo Forno"
Intitolazioni a suo nome
Album delle fotografie
La tomba al Verano
Pensieri e riflessioni  

DOCUMENTAZIONE
Raccolta articoli
Raccolta video
Bibliografia  

CULTURA
Premio "Il coraggio di scegliere"
Libro "Il ragazzo del ponte"
Canzone "Il ponte della ferrovia"  

PROPOSTE
L'idea di un monumento
 


 
 
Sito curato dal giornalista Lorenzo Grassi  

Oltre alla famiglia di Ughetto, si ringraziano per la collaborazione e le informazioni:
Anpi Roma e Lazio, Legambiente Lazio, Paolo Brogi, Massimo Castelli, Giampaolo Celani, Felice Cipriani, Paolo Conti, Paolo Fallai, Maurizio Gubbiotti, Cristiano Scagliarini e Ludovica Valori.  

Altri sostenitori: Massimo Bandinelli, Federico Celani, Massimiliano Macaione, Costanza Marchisio, Franco Micozzi, Guido Morosi, Lorenzo Parlati e Paolo Rossini.